Food Wars: il manga che porta le sfide in cucina su un nuovo livello

di Silvio Mazzitelli

Una scuola dedicata a formare l'elite dei futuri cuochi del Giappone a suon di sfide culinarie molto sopra le righe in questo divertente manga.

Indice

Negli ultimi anni in televisione c’è stato un vero e proprio boom legato ai programmi di cucina, declinati in ogni possibile salsa, per restare in tema culinario. A questa nuova era della passione per il cibo è seguita una moda che si è espansa anche in altri formati come ad esempio il fumetto. Uno degli esempi più estremi è il manga Food Wars o Shokugeki no Soma in originale.

Questo manga è stato pubblicato sulla famosa rivista Weekly Shonen Jump dal 2012 fino al 2019, ad occuparsene sono stati Yuuto Tsukuda per la storia e Shun Saeki per i disegni. Il focus interessante di questo manga, come dice il nome stesso, è su delle battaglie svolte in cucina a suon di piatti particolari ed elaborati. La cosa divertente è che i ritmi sono gestiti come se fossero quasi delle vere battaglie tipiche di uno shonen, con ingredienti segreti trattati quasi come se fossero colpi speciali.

In totale il manga, ormai concluso da circa un anno, è composto da 36 volumi. In Italia questi sono pubblicati da RW Edizioni sotto l’etichetta Goen che ha quasi raggiunto l’edizione giapponese. Food Wars ha anche ispirato un anime ben accolto in tutto il mondo, che è appena giunto alla quinta stagione iniziata ad aprile 2020. Questa quinta stagione dovrebbe anche essere l’ultima adattando la parte finale della storia. Vediamo dunque di cosa tratta Shokugeki no Soma nel dettaglio.

La trama

Soma Yukihira ha sempre vissuto in mezzo ai fornelli da cucina. Il padre infatti è un cuoco che gestisce un piccolo locale molto semplice, ma amato dai suoi clienti per il cibo buono e genuino. Il sogno di Soma è quello di diventare un grande chef come il padre e ogni giorno sin da quando era un bambino si impegna per migliorare le sue abilità e superarlo. Finite le scuole medie improvvisamente il padre di Soma chiude il locale per accettare un lavoro da chef che lo porterà in giro per il mondo. Soma infatti non sa che in passato il genitore è stato un famosissimo chef stellato, e ora che il figlio è cresciuto ha deciso di accettare un nuovo lavoro.

Prima di partire però iscrive Soma all’Istituto di Cucina Totsuki, una scuola per cuochi d’elite rinomata in tutto il Giappone, dove solo il 10% degli studenti riesce a completare gli studi per poi diventare dei cuochi di successo. Soma supera il test d’ingresso brillantemente, attirandosi però le antipatie di Erina Nakiri, la nipote del presidente della scuola, conosciuta per avere un senso del gusto eccezionale con cui è in grado di individuare anche l’ingrediente più nascosto in qualsiasi ricetta.

Shokugeki no Soma manga
Shueisha

Soma finisce nel dormitorio Polaris, dove anche il padre ha vissuto ai tempi in cui ha frequentato l’istituto Totsuki. Qui incontra tanti provetti cuochi che diventeranno suoi compagni nelle sfide che dovranno affrontare all’interno dell’accademia. Soma scopre la base su cui si fonda la scuola, ossia degli scontri culinari chiamati Shokugeki, dove due o più cuochi si sfidano ai fornelli mettendo in gioco qualsiasi cosa vogliano, tra cui anche la possibilità di rimanere o abbandonare la scuola. Lo scopo di questi scontri sarà poi quello di creare una graduatoria dei migliori cuochi dell’istituto che andranno a occupare un posto nell’Elite 10, ossia i dieci migliori studenti dell’accademia. Soma sarà pronto a tutto pur di diventare un cuoco degno del livello di suo padre.

La prima volta che ho preso in mano un coltello avevo 3 anni. Da allora per 12 anno io ho vissuto in cucina e non posso permetterti di etichettare la nostra cucina come disgustosa. Non vedo l’ora di farti dire chiaramente che è deliziosa!
Yukihiro Soma

Master Chef in versione manga

In Giappone c’è una grande tradizione di manga legati alla cucina. Tra i tanti, anche se mai veramente giunto in Italia, c’è Oishinbo, un manga molto popolare e che continua da almeno 30 anni dove un giornalista di una rivista culinaria si trova ad assaggiare e a imparare le ricette di tanti piatti tipici giapponesi. Anche il grande mangaka Jiro Taniguchi aveva dedicato una sua opera alla cucina giapponese con Gourmet.

Shokugeki no Soma riprende il concetto in maniera moderna ispirandosi ai vari show televisivi che mettono diversi cuochi in competizione tra loro, e lo fa alla maniera degli shonen giapponesi. Il manga non si preoccupa di essere troppo realistico e preme l’acceleratore sull’esagerazione e su alcuni elementi che potremo definire “trash”. Ma la forza di questo manga sta proprio in questo: Food Wars non si prende mai troppo sul serio e lo fa con il desiderio del puro intrattenimento, con scene talmente assurde che non possono non divertire il lettore.

Shokugeki no Soma battaglie culinarie
Shueisha

Chiariamoci, le ricette messe in campo sono tutte reali, sono le esecuzioni di queste che vengono esaltate fino all’estremo. Ad esempio, da buoni italiani non potremo non ridere quando un personaggio cresciuto in Toscana e per metà di sangue italiano sfodererà la tecnica dell’utilizzo della “mezzaluna” strumento culinario usato quotidianamente nelle nostre cucine per triturare le verdure e probabilmente visto come esotico dai giapponesi. Gli esempi sono però tanti, e indubbiamente i momenti più assurdi sono legati agli assaggi dei piatti preparati.

Gli autori, per evocare le sensazioni donate da una ricetta perfettamente riuscita, creano una sorta di viaggio mentale davvero fantasioso. Ad esempio un piatto basato sul pesce porta chi lo ha assaggiato a sentirsi immerso in mezzo al mare sentendo la freschezza degli ingredienti, oppure l’esplosione di sapori manda letteralmente in estasi sensoriale e fisica chiunque abbia assaggiato. Gli autori poi non si tirano indietro nemmeno riguardo al fan service, mettendo in scena diverse fanciulle dal fisico prorompente spesso anche in abiti succinti.

Vedi Soma, il trucco per diventare un bravo cuoco è incontrare una donna alla quale dedicare completamente la tua cucina.
Yukihiro Joichiro

Food Wars è un manga sulla cucina che è effettivamente unico nel suo genere, riprendendo alcune situazioni da battaglie tipiche degli shonen riproposte tra i fornelli. Non vuole prendersi troppo sul serio e lo dimostra in ogni sequenza, e i lettori che approcceranno questo manga semplicemente come un’opera leggera che mira all’intrattenimento puro non ne resteranno delusi.