Ranma ½, l'intramontabile classico di Rumiko Takahashi

di Giulia Greco

Divertente, spassosa e sempre attuale, Ranma ½ è una delle opere di maggior successo della maestra Rumiko Takahashi, regina del fumetto giapponese.

Pubblicato per la prima volta in Giappone a partire dal settembre 1987 sulla rivista Weekly Shōnen Sunday, Ranma ½ è una delle opere più famose della fumettista Rumiko Takahashi, autrice, tra gli altri, anche di successi come Lamù e Inuyasha.

Simpatico e divertente, Ranma ½ è uno shōnen manga che parte da una premessa bizzarra ed esilarante: durante un allenamento speciale in Cina, Ranma Saotome, sedicenne competitivo ed esperto di arti marziali, si imbatte, insieme a suo padre Genma, nelle Sorgenti Maledette di Jusenkyo. Chiunque cada in una di esse, si trasforma, a contatto con l'acqua fredda, nell'animale o essere umano annegatovi migliaia di anni prima (con la possibilità di tornare alla propria forma originale ogni qualvolta ci si bagni con l'acqua calda). Per un infausto scherzo del destino, anche Ranma e Genma diventano vittime delle sorgenti maledette, trasformandosi, rispettivamente, in una ragazza dai capelli rossi e un enorme panda.

L'insolita situazione genera una serie di bizzarrie e fraintendimenti tutti da ridere nel corso dei volumi che compongono la serie, e si riversano in modo particolare nel rapporto tra Ranma e Akane, la ragazza a cui il protagonista è promesso. Se già il forte temperamento di entrambi, le prese in giro di Ranma nei confronti della sua "così poco femminile" fidanzata e l'essere tremendamente cocciuta di Akane li portano a scontrarsi continuamente, la maledizione che costringe Ranma ad assumere le fattezze di un'avvenente fanciulla non fa altro che acuire i loro battibecchi quotidiani.

Tra chi si innamora perdutamente di Akane, chi perde la testa per Ranma ragazzo, e chi per la sua versione femminile, i simpatici litigi tra i giovani promessi sposi sono una costante dello shōnen manga di Rumiko Takahashi, così come le rivalità tra Ranma, Akane e gli altri esperti di arti marziali loro coetanei: Ryoga, Shampoo, Mousse (tutti e tre vittime anche loro delle Sorgenti Maledette), Kuno, Kodachi e Ukyo sono perennemente in conflitto tra loro, oltre che – a seconda dei casi – con Ranma o Akane per conquistare il cuore dell'uno o dell'altro.

Quasi in ogni capitolo, i pretendenti di Ranma e Akane si intromettono nella loro relazione dando adito a continue gelosie, ripicche, equivoci e malintesi di ogni sorta che, però, trovano sempre risoluzioni capaci di strappare più di un sorriso.

Ranma ½ è un concentrato di tutte le caratteristiche tipiche dei lavori della sensei, la regina dei manga: episodi autoconclusivi, infiniti triangoli amorosi, situazioni imbarazzanti e gag divertenti al limite del demenziale, il tutto racchiuso nella cornice di una trama fresca e spumeggiante che riesce a non annoiare mai.

Lo spirito comico e disimpegnato che caratterizza tutta l'opera trova riscontro nei simpatici disegni di Rumiko Takahashi, che tratteggia personaggi buffi e singolari, che si adattano alla perfezione al carattere scanzonato del manga.

In conclusione, Ranma ½ è una di quelle opere diventate un must per tutti gli appassionati della letteratura nipponica a fumetti, una storia intramontabile, spregiudicata, maliziosa e volutamente sopra le righe, un classico senza tempo che si inscrive in quella meravigliosa produzione giapponese di fine anni Ottanta di cui sentiamo tanto la nostalgia.

Ranma ½, manga
Frasix
Ranma ½, classico di Rumiko Takahashi
VOTO8 / 10

Un successo inarrestabile che non conosce paragoni: Ranma ½ è una perla imperdibile per ogni amante del fumetto giapponese.