Indice

Kent Haruf riceve il premio de "La Lettura" 2020

di Cristina Migliaccio

L'amato autore de La trilogia della pianura ha incantato ancora una volta l'Italia e porta a casa il premio del Corriere della sera.

Indice

Chi non conosce Kent Haruf, l'autore noto anche in Europa per la celebre Trilogia della pianura (composta da Il canto della pianura, Crepuscolo e Benedizione)? Ebbene, anche quest'anno con il ritorno della Classifica di qualità de La Lettura, l'inserto culturale del Corriere della Sera, Kent Haruf è stato incoronato con il premio de La Lettura per il suo romanzo La strada di casa: il romanzo è stato pubblicato negli Stati Uniti nel 1990 e, per la classifica di qualità italiana, ha ottenuto 340 voti totali.

Chi è Kent Haruf

Per chi non conosce Kent Haruf, classe 1943 e figlio di un pastore metodista, prima di diventare un acclamato scrittore, ha svolto tantissime mansioni: è stato obiettore di coscienza durante la guerra del Vietnam, ha lavorato in un ospedale di riabilitazione a Denver e in un orfanotrofio, come bracciante agricolo in una fattoria del Colorado, come operaio edile in Wyoming, come bibliotecario in Iowa e come docente universitario. La prima storia (breve) riesce a pubblicarla a 41 anni. Il primo romanzo, Vincoli: alle origini di Holt, arriva nel 1984. A seguire La strada di casa nel 1990 (in Italia tradotto invece soltanto quest'anno), poi Il canto della pianura nel 1999, Crespuscolo nel 2004 e Benedizione nel 2013. L'ultimo romanzo, Le nostre anime di notte, è stato pubblicato nel 2015. Queste sono le date relative all'uscita americana, in Italia i romanzi sono arrivati molto dopo.

Nella stessa classifica stilata dal Corriere della sera, vediamo anche altri autori come Sandro Veronesi, che quest'anno ha vinto il Premio Strega con Il colibrì, ma anche Javier Marìas, Richard Ford, Jonathan Safran Foer, Claudio Magris, Donna Tartt, Joel Dicker ed Emmanuel Carrère. Il premio invece nella classifica della Traduzione è andato a Nicola Crocetti, merito della versione del poema Odissea di Nikos Kazantzakis.