Acne tardiva: cause, rimedi e consigli della malattia che colpisce gli adulti

di Redazione Frasix

Dai motivi per cui il fenomeno compare alle cure per combatterla, passando per tanti altri consigli da tenere sempre in considerazione. Ecco il vademecum per l’acne tardiva, infiammazione sebacea che colpisce soprattutto le donne.

Indice

La pelle è lo specchio della nostra salute: chi è in forma, tenderà ad averla liscia e morbida, al contrario, tutte le malattie di interesse dermatologico sono spia di qualcosa che andrebbe tenuto sott'occhio. Come l’acne, un’infezione causata dall’infiammazione delle ghiandole sebacee. Non sono solo gli adolescenti ad esserne colpiti, può interessare anche i più grandi. Chiamasi acne tardiva, proprio perché si presenta in età adulta.

Le caratteristiche sono praticamente le stesse, accorgersene è facile: presenza di bolle, punti neri e brufoli che, la maggior parte delle volte, tendono ad occupare il mento e la mascella. Può soffrirne chiunque, anche chi nella pubertà non ci ha dovuto fare i conti, tanto che molte celebri blogger hanno raccontato la loro esperienza sui social circa l'esperienza.

Tra prodotti per sconfiggerla, rimedi naturali di sicuro affidamento e quant'altro, ecco tutto quello che c’è da sapere sull’acne tardiva.

A chi viene e perché?

Donna incinta
Pexels

Gli studi recenti parlano chiaro: l’acne in età adulta affligge principalmente le donne. Ben il 15% contro il 3% degli uomini. Sul banco degli imputati non possono che esserci gli squilibri ormonali, come quelli che si manifestano durante il ciclo mestruale o in gravidanza. In periodi del genere, in cui aumenta la produzione di androgeni (ormoni maschili), la bellezza della pelle viene compressa parallelamente alla comparsa di brufoli.

Anche le condizioni di stress eccessivo possono generare l’acne, così come un’alimentazione carente di vitamine e minerali o disturbi intestinali. Viene danneggiata la flora batterica e di conseguenza anche la cute. Per non parlare dell’uso smodato di farmaci, e in particolar modo quelli a base di litio, bromo o iodio, e di tutti quei prodotti di make up (dalle creme al fondotinta) troppo aggressivi, che non permettono alla pelle di respirare bene, irritando le cellule e rendendola grassa.

Cure e prodotti

L’unica cura efficace è quella consigliata da un professionista. In questi casi, la via è una sola: quella del tuo dermatologo di fiducia! Sarà lui a suggerirti la soluzione migliore. Esistono, infatti, strategie diverse: dall’utilizzo di prodotti specifici per la pelle a farmaci da assumere oralmente. Una volta individuata la causa, si deciderà quale adoperare: qualora, ad esempio, l’acne sia dovuta a squilibri ormonali, si procederà con terapie in questo senso. Divengono fondamentali anche i detergenti per la pelle: saponi specifici, seboregolatori o astringenti.

Eccone alcuni tra i migliori sul mercato.

Rimedi naturali

Bicarbonato di sodio in vasetto
Pixabay

Esistono rimedi naturali notevolmente indicativi in quanto ricchi di sostanze depurative, antinfiammatorie e antibatteriche in grado di ripristinare l’equilibrio della pelle. Un esempio è la pietra di potassio: applicata sul viso bagnato, sfiamma brufoli e bolle. Ma anche il bicarbonato - da utilizzare sul volto una o due volte alla settimana -, l’argilla, il gel di aloe vera e la camomilla. Altamente consigliati dagli esperti, poi, ci sono l’ippocastano e la bardana: sia se assunte oralmente tramite tisane sia utilizzate sotto forma di crema hanno principi attivi capaci di fronteggiare l’acne tardiva.

Alimentazione e cibi consigliati

Frutta e verdura alimenti consigliati per acne tardiva
Pexels

È sempre alla base di tutto, impossibile da lasciare in secondo piano: a condizionare il benessere della nostra pelle non può che esserci anche l’alimentazione. Sono due gli aggettivi da ricordare:varia e sana. Iniziando dalla frutta e dalla verdura: va bene qualsiasi tipo, con una corsia preferenziale per carote, meloni, zucca e albicocche. Ottimi anche i cibi ricchi di omega 3: dal pesce all’olio di oliva, con il veto, invece, su dolci e latticini.

Da evitare il consumo eccessivo di carni rosse, degli insaccati e degli snack confezionati. Troppi grassi e ormoni, insomma, stimolano le ghiandole sebacee e peggiorano la situazione. Sì ai cereali integrali e… all’acqua! Bere tanto e sempre: l’idratazione costante aiuta il nostro corpo a sconfiggere l’acne tardiva. Fanno eccezione gli alcolici, da rifuggire il più possibile.

Consigli utili

Pennelli e accessori per make up
Pexels

Nessun dramma, seguendo le direttive del dermatologo e piccoli accorgimenti quotidiani l’acne tardiva si risolve nel giro di qualche mese. Di solito, considerando una gravità medio-bassa, entro tre, al massimo si arriva a sei. Il segreto è intervenire alle prime apparizioni, senza perdere tempo e sperare nei miracoli.

Venendo scatenata dall’ansia e dallo stress eccessivo, uno dei passi da compiere è rileggere gli eventi della nostra quotidianità in maniera lucida e, per quanto possibile, distaccata. Esistono problemi seri e problemi meno seri, a ciascuno va dato il proprio peso. Alleggerire le tensioni e rilassarsi è necessario per il benessere della pelle.

Da evitare, poi, lo schiacciamento dei brufoli, che lascia cicatrici e macchie nere sul volto. Il make up coprente? Bandito, aggiunge grasso e ritarda la guarigione. Se proprio non se ne può fare a meno, l’unica possibilità è l'utilizzo - con criterio - di cosmetici non aggressivi per la cute. Sì alle maschere e ai detergenti, con il peeling alleato fedele per rimuovere le cellule morte e liberare i pori.

Ora che arriva la stagione estiva, infine, è bene proteggere la pelle dal sole: i raggi accentuano il processo infiammatorio, peggiorando la situazione. È l’abbronzatura che crea falsi miti, perché il miglioramento è in realtà solo apparente.