I metodi di applicazione dell'ombretto e i diversi stili per occhi impeccabili

di Redazione Frasix

Dalla scelta del pennello a quella del giusto ombretto fino ai tutorial, ecco tutto quello che c’è da sapere per realizzare un make-up occhi perfetto che si adatti a ogni colore dell'iride e a ogni forma dell'occhio.

Indice

Gli occhi sono lo specchio dell’anima ed è per questo che metterli in risalto nel giusto modo è importantissimo. Realizzare un make-up che incornici il nostro sguardo non è difficile: basta avere i giusti strumenti per farlo, imparare qualche piccolo trucco e tecnica per ottenere eleganti sfumature con i prodotti ideali e capire quali tra i tanti finish e nuance esistenti sono più adatti alla morfologia e al colore dei nostri occhi. Ecco tutto quello che c'è da sapere su come applicare l'ombretto.

La scelta dell’ombretto: colore, texture e finish

Quando entriamo in una profumeria ci troviamo davanti diversi stand che propongono una vasta scelta di ombretti singoli o palette e non è facile, catturate dai mille accattivanti colori che abbiamo davanti, scegliere quali siano quelli giusti per realizzare un make-up che metta in risalto i nostri occhi.

La regola fondamentale per scegliere uno o più nuance di ombretto adatti a noi è optare per quelli di colori complementari al nostro iride e per capire quali sono dobbiamo tenere a mente la ruota dei colori di Kuler e puntare su quelli diametralmente opposti, oppure sui “non colori” come bianco, nero e grigio.

In base alla ruota di Kuler quelle di noi che hanno intensi occhi marroni devono scegliere ombretti sui toni del verde petrolio, blu elettrico, grigio piombo; le ragazze con gli occhi nocciola, e quindi con l’iride caratterizzato da pagliuzze che virano al color ambra o topazio, invece possono optare per nuance della famiglia dei marroni compresi bronzo e oro; quelle con occhi verdi li possono esaltare con colori che virano verso il lilla, il prugna, il viola o il melanzana e infine chi ha gliocchi azzurri può optare per tutti i colori della famiglia dei rosa e pescati.

Una volta scelte le nuance perfette per il nostro trucco occhi dobbiamo capire qual è la formula che preferiamo: crema o polvere. In linea di massima gli ombretti in crema sono ottimi da utilizzare da soli, soprattutto se metallizzati, shimmer e brillantinati come gliIllusion d’Ombre di Chanel. Se opachi, come ilSoft Ochre Pro Longwear Paint Pot di Mac Cosmetics, gli ombretti cremosi sono soprattutto un’ottima base per un trucco occhi particolarmente deciso in quanto esaltano il colore e la durata delle polveri che applichiamo sopra.

Chi ha la palpebra particolarmente oleosa dovrebbe comunque stare alla larga dagli ombretti in crema e optare invece per primer occhi, come gli Eyeshadow Primer Potion di Urban Decay, la cui caratteristica è quella di enfatizzare il colore degli ombretti e far sì che il trucco rimanga impeccabile per tutto il giorno.

Gli ombretti in polvere possono essere di diversi finish: opachi, satinati, shimmer/brillantinati. Con ombretti matte di diverse nuance è possibile creare un trucco completo, sfumato, elegante e opaco mentre i colori satinati o shimmer possono essere utilizzati da soli su tutta la palpebra, per un make-up veloce e naturale, o come punti luci di un trucco che prevede anche l’utilizzo di un ombretto opaco.

In particolare, per quanto riguarda gli ombretti matte, in un make-up occhi “completo” va sfumato sotto l’osso oculare e nell’angolo esterno per donare tridimensionalità al trucco e, all’occorrenza, allungare/alzare gli occhi; l’ombretto satinato va applicato sotto l’arcata sopracciliare, per alzare otticamente lo sguardo, e all’interno dell’occhio all’altezza del condotto lacrimale, infine l’ombretto shimmer o brillantinato va pressato/sfumato al centro della palpebra per illuminare.

I pennelli per il trucco occhi

I pennelli sono gli strumenti fondamentali per la riuscita di qualunque make-up occhi “costruito” e quindi ricco di diverse sfumature. In particolare, sono 4 quelli da avere assolutamente: un pennello a setole piatte per applicare ombretti in polvere o in crema sulla palpebra mobile (come lo 07 di PuroBio), un pennello “a penna” per i dettagli (come il Real Techniques 201) unpennello da sfumatura “di precisione” per lavorare l’ombretto all’altezza dell’osso oculare e all’esterno dell’occhio gestendo bene il colore (come il 217 di Mac Cosmetics) e unpennello da sfumatura a cono per rendere i contorno del make-up meno netti (come il 224 di Mac Cosmetics).

Come usare l’ombretto nero

Le palette per occhi, non a caso, ne hanno quasi sempre all’interno una cialda: l’ombretto nero è infatti un must-have da tenere sempre sotto mano nella nostra postazione make-up in quanto è un perfetto alleato sia per trucchi più complessi che per quelli più veloci. Oltre a poterlo sfumare su tutta la palpebra mobile per un intenso smokey eye, l’ombretto nero è fondamentale per intensificare la piega dell’occhio e il suo angolo esterno al fine di donare tridimensionalità a trucco e modificare alcuni piccoli difetti come gli occhi all’ingiù.

Inoltre l’ombretto nero, specie se particolarmente intenso o in crema, è ottimo da stendere sotto a ombretti shimmer, pigmenti (come i Pigments di Nyx Professional Makeup) e glitter per rendere il loro colore e luminosità più intenso o da utilizzare al posto dell’eyeliner con un pennellino apposito (bagnato, se optiamo per un prodotto in polvere), come l’Inkstroke****Eyeliner Brush di Shiseido.

Infine per evitare che la matita nera applicata nella rima ciliare inferiore degli occhi durante la giornata si sciolga o sparisca, un ombretto nero in polvere se tamponato su di essa con un pennello occhi a setole piatte corte - come il Define Azalea Brush di NeveCosmetics- la setterà rendendo il tutto long lasting.

Ogni brand di make-up ha in gamma un ombretto nero ma, tra quelli in polvere, il migliore è sicuramente Blackout di Urban Decay in quanto vanta un’ottima pigmentazione e sfumabilità e una polverosità pari a zero. Per quanto riguarda gli ombretti in crema, decisamente performante è l**’Aqua Black di Make Up For Ever**la cui formulazione waterproof lo rende anche un ottimo sostituto dell’eyeliner oltre che una base a lunga tenuta perfetta.

Come sfumare gli occhi con l'ombretto: tutorial e step

Per realizzare un trucco occhi sfumato ci sono alcune regole/step da rispettare, qualsiasi sia il colore del make-up che abbiamo scelto fare.

  • Per prima cosa dobbiamo stendere su tutta la palpebra mobile fino all’osso oculare un prodotto in crema che sia un primer, un correttore o un ombretto color carne in crema per nascondere le discromie e per far sì che le polveri che andremo a utilizzare si fissino e il nostro make-up duri più a lungo;
  • Dopo aver steso un prodotto cremoso sulla palpebra mobile lo dobbiamo tamponare con un leggerissimo velo di cipria affinché i pennelli “sporchi” di ombretto scivolino facilmente e non creino macchie;
  • Il primo ombretto che andiamo a utilizzare dovrà essere di un color burro o crema dal finish matte o satin, comeAntique White di Nabla Cosmetics o il numero 31 della linea We & Dry di Collistar, e andrà applicato sotto tutta l’arcata sopracciliare per illuminarla e far sì che la polvere che applicheremo subito al di sotto si fonda con quella più chiaro per un elegante effetto degradé;
  • Il secondo ombretto che andremo a utilizzare è quello che in gergo viene chiamato colore di transizione e deve essere un marroncino neutro, come Narciso di Nabla Cosmetics, oppure un marroncino caldo o freddo a seconda del sottono dei colori che useremo dopo. Il colore di transizione si dovrà applicare appena sopra l’osso oculare con piccoli movimenti circolari dall’esterno verso l’interno dell’occhio con un pennello da sfumatura ampio, a cono e punta tonda, sul genere del su citato 224 di Mac Cosmetics;
  • Il terzo ombretto che andremo a sfumare dovrà essere della tonalità di cui abbiamo scelto di realizzare il make-up ma laggermente più chiaro di quello che poi stenderemo sulla palpebra mobile. Questa terza polvere, sempre opaca, dovrà essere lavorata con un pennello da sfumatura più preciso del precedente, come il 217 di Mac Cosmetics, e applicato all’altezza della piega dell’occhio sotto all’osso oculare e al colore di transizione;
  • Il quarto ombretto che andremo a stendere potrà essere opaco o shimmer/brillantinato in polvere o in crema e andrà sfumato, sempre con un pennello da sfumatura di precisione su tutta la palpebra mobile. Se avete gli occhi particolarmente vicini, il consiglio è di non arrivare sino al condotto lacrimale ma fermarsi un po' prima per poi applicare all’interno dell’occhio la stessa polvere stesa sotto l’arcata sopracciliare.

Smokey eyes: il tutorial

Negli anni ’20 le dive del cinema in bianco e nero mettevano in evidenza i loro splendidi occhi con un make-up scurissimo e sfumato, la tecnica realizzata per questa tipologia di trucco si chiamasmokey eyes ed è ancora oggi una delle più amate e glam dalle donne di spettacolo e non.

Per realizzare uno smokey eyes nero (vedi qua sopra il tutorial di AlicelikeAudrey), o di qualsiasi altro colore, bisogna munirsi di un ombretto in crema da applicare all’altezza della rima ciliare superiore sino all’incirca a metà occhio per poi, con l’aiuto di un pennello da sfumatura di precisione, portarlo fino all’osso oculare. Quando il colore della palpebra sarà omogeneo dovremo stendere sempre con lo stesso pennello “sporco” al di sopra del prodotto cremoso un ombretto in polvere della stessa nuance per intensificare il tutto.

Infine con un ombretto più chiaro, o di un marrone neutro di transizione, e un pennello da sfumatura ampio vanno schiariti i contorni del trucco per renderli fumosi, come il nome di questo make-up impone.

Come fare il trucco banana eye

Se la moda ha preso in prestito dagli anni ’20 - declinandolo al presente - il sensuale smokey eye, è dagli anni ’70 che arriva un’altra tecnica di trucco occhi molto in voga: la banana eyes o soft cut crease. Questo make-up è caratterizzato da una palpebra mobile sfumata con un colore medio chiaro, satinato o matte, in contrasto con una piega dell’occhio delineata con precisione da una nuance decisamente più scura.

Per un trucco occhi con lo stile “a banana” bisogna per prima cosa applicare con un pennello a lingua di gatto un colore medio chiaro su tutta la palpebra. Dopo di che la parte della piega dell’occhio va colorata, usando un pennello a penna, con un ombretto di almeno un paio di tonalità più scuro del precedente seguendo con precisione la forma del nostro osso oculare.

Lo stile a ruota: come fare l'halo eye make-up

Ultimamente su Instagram stanno spopolando foto in cui spicca una tecnica di trucco occhi chiamata halo eye (o halo smokey eye) che altro non è che un’evoluzione del più classico smokey eye caratterizzato però la parte centrare della palpebra mobile lavorata con un ombretto più chiaro.

Per realizzare un halo eye bisogna munirsi di due ombretti, uno più chiaro (matte o satinato) e uno più scuro, rigorosamente matte, e sfumarli con uno tecnica che in gergo viene chiamata a ruota. Per prima cosa con il nostro fedele pennello a lingua di gatto andrà steso solo al centro della palpebra mobile l’ombretto in polvere più chiaro e poi con un pennello da sfumatura a cono dovremo applicare e lavorare quello più scuro nella parte interna ed esterna dell’occhio e unire le due estremità più intense, usando sempre il pennello da sfumatura sporco della polvere più scura, sfumandole leggermente verso l'interno nella piega dell’occhio.

Per rendere ancora più particolare o adatto a un look serale il nostro halo eye make-up possiamo aggiungere dell’ombretto shimmer sopra a quello chiaro utilizzando il pennello a lingua di gatto bagnato con un fissatore spray per il trucco, come il Prep + Prime Fix + di Mac Cosmetics, affinché il colore risulti più pigmentato e lucente o, in alternativa, aggiungere dei glitter al centro della palpebra mobile picchiettando prima con le dita un po’ di colla per glitter, come il Glitter Primer Nyx Professional Makeup, sulla parte per poi attaccare con l’aiuto sempre del pennello a lingua di gatto i brillantini.

Le migliori app di make-up

Qualora abbiate voglia di scattarvi un selfie per arricchire il vostro profilo social preferito ma non avete tempo di truccarvi o vogliate capire come vi starebbe un certo tipo di make-up esistono, sia per sistema Android che iOS, diverse applicazioni che possono venire in vostro aiuto.

Con l’app MakeupPlus - Makeup Camera, disponibile sia per Android che per iOS, è possibile fare una prova trucco sul proprio cellulare e indossare virtualmente diversi tipi di makeup e addirittura tutta una gamma di rossetti reperibili in beauty store, online e fisici.