Achille Lauro. le frasi rap più belle

Achille Lauro

Le 10 frasi più belle di Achille Lauro

E la mia vita è un casinò e lei sembra Julia Roberts, Pretty Woman baby.
I miei raga con i chili nella pancia. I primi raga cento chili nella stanza. Ti dà la paga come fosse la tua mamma.
Fai di me quel che vuoi, sono qui. Faccia d’angelo. David di Michelangelo. Occhi ghiacciolo.
C'è stata una guerra che mi ha cambiato, ed è quella che non racconterò.
Ti porterò via da sta città, da quei palazzi lì. Ci hanno insegnato ad essere i cattivi, solo ad essere i cattivi.
Un giorno verrò a prenderti sotto quei palazzi, in quel quartiere lì. Quel posto che non meriti.
So che quello che ho lasciato non torna due volte da me. Torno dal nulla si come Di Caprio e il diavolo è vestito bene.
Prometti non mi seguirai pure sta notte perché sta notte non si ritorna. Perché io non ho posto lassù. Perché amarsi è ammalarsi quaggiù.
Sta storia Cyrano, cavalli tirano. Lei fino mezzanotte qui, come quella fiaba lì e fino mezzanotte qui.
I fra' fumano strati. Sì, carta da parati. Quella roba è come latte e cereali.
Giuro con te avevo l'impressione che fossi scesa dal cielo sì, solo per me. Per salvare me da questo inferno, sì.
La nostra storia che continua su pezzi di carta. La nostra storia mai finita che non ha una fine perché torno come il diavolo a rubare vite, eh.
Quando sai che non si può cambiare il mondo mio. Quando credi che per te l'abbia mandata Dio, niente possa salvarti al mondo tranne lei. Proveresti a tenerla vicino a te.
E questa strana fiaba poi che fine ha? È la più grande storia raccontata mai. Siamo soli in cento personalità. Mentiamo promettendo a noi non finirà.
Tu non hai mai pianto e non sai che cosa sono i "non si può".
E sto cadendo nel burrone di proposito. Mi sto gettando dentro al fuoco, dimmi: "Amore, no". Finiranno anche le fiamme, ma il dolore no.
Dimmi che mi vuoi anche se muoio su questa strada. Dì non mi interessa se sei un figlio di puttana.
I miei raga con i chili nella pancia. I primi raga cento chili nella stanza. Ti dà la paga come fosse la tua mamma.
Prometti non mi seguirai pure sta notte perché sta notte non si ritorna. Perché io non ho posto lassù. Perché amarsi è ammalarsi quaggiù.
Ti porterò via da sta città, da quei palazzi lì. Ci hanno insegnato ad essere i cattivi, solo ad essere i cattivi.