Le frasi più belle di Andrea Zanzotto

Vorrei renderti visita nei tuoi regni longinqui o tu che sempre fida ritorni alla mia stanza dai cieli, luna. - Andrea Zanzotto
Può essere che non si voglia credere alla catastrofe, già ampiamente provata, perché è più comodo ingannarsi, illudersi. - Andrea Zanzotto
Qui non resta che cingersi intorno il paesaggio qui volgere le spalle. - Andrea Zanzotto
Leggeri ormai sono i sogni. - Andrea Zanzotto
Esaminare dunque, e poi avanti; esamino, al futuro, il futuro e rido con Dante nel sereno che non si turba mai. - Andrea Zanzotto
Sappiate scrivere, ma non leggere: non importa. - Andrea Zanzotto
Siamo alla mancanza del limite e alla caduta della logica, sotto il mito del Pil che deve crescere sempre, non si sa perché. - Andrea Zanzotto
Un bel paesaggio una volta distrutto non torna più. - Andrea Zanzotto
Devo lasciare un biglietto a mio nipote: la richiesta di perdono per non avergli lasciato un mondo migliore di quello che è. - Andrea Zanzotto