Le frasi più belle di Fabrizio De Andrè

Si sa che la gente dà buoni consigli sentendosi come Gesù nel tempio si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare cattivo esempio. - Fabrizio De Andrè
Mentre lui le insegnava a fare l’amore lei gli insegnava ad amare. - Fabrizio De Andrè
Tu lo seguisti senza una ragione come un ragazzo segue l'aquilone. - Fabrizio De Andrè
Il cancro e l'AIDS sono bestie educate: mangiano una ben misera razione di carne rispetto a quella che hai mangiato tu e non ti lasciano solo come tu tenti di fare con loro. - Fabrizio De Andrè
Perché non hanno fatto delle grandi pattumiere per i giorni già usati per queste ed altre sere. - Fabrizio De Andrè
Io mi dico è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati. - Fabrizio De Andrè
Per questo giurai che avrei fatto il dottore e non per un dio ma nemmeno per gioco: perché i ciliegi tornassero in fiore, perché i ciliegi tornassero in fiore. - Fabrizio De Andrè
Un uomo senza sogni, senza utopie, senza ideali, sarebbe un mostruoso animale, un cinghiale laureato in matematica pura - Fabrizio De Andrè
Dai diamanti non nasce niente - Fabrizio De Andrè
Ma se ti svegli e hai ancora paura ridammi la mano, cosa importa se sono caduto, se sono lontano. - Fabrizio De Andrè
E se vi siete detti non sta succedendo niente, le fabbriche riapriranno, arresteranno qualche studente convinti che fosse un gioco a cui avremmo giocato poco provate pure a credervi assolti siete lo stesso coinvolti. - Fabrizio De Andrè
Perché non hanno fatto delle grandi pattumiere per i giorni già usati per queste ed altre sere. - Fabrizio De Andrè
Coi tuoi santi sempre pronti a benedire i tuoi sforzi per il pane con il tuo bambino biondo a cui hai dato una pistola per Natale che sembra vera, con il letto in cui tua moglie non ti ha mai saputo dare e gli occhiali che tra un po' dovrai cambiare. - Fabrizio De Andrè
Se si trattasse ancora di una gara di ugole, la si potrebbe ancora considerare una competizione quasi sportiva, perché le corde vocali sono pur sempre dei muscoli. Nel caso mio, dovrei andare ad esprimere i miei sentimenti e credo che questo non possa essere argomento di competizione. - Fabrizio De Andrè
Allora nei momenti di solitudine quando il rimpianto diventa abitudine, una maniera di viversi insieme, si piangono le labbra assenti di tutte le belle passanti che non siamo riusciti a trattenere. - Fabrizio De Andrè
E adesso che gli altri ti chiamano dea l’incanto è svanito da ogni tua idea ma ancora alla luna vorresti narrare la storia d’un fiore appassito a Natale la storia d’un fiore appassito a Natale. - Fabrizio De Andrè
C’è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo. - Fabrizio De Andrè
Mi arrestarono un giorno per le donne ed il vino, non avevano leggi per punire un blasfemo, non mi uccise la morte, ma due guardie bigotte, mi cercarono l’anima a forza di botte. Perché dissi che Dio imbrogliò il primo uomo, lo costrinse a viaggiare una vita da scemo,nel giardino incantato lo costrinse a sognare, a ignorare che al mondo c’è il bene e c’è il male. - Fabrizio De Andrè
Dove sono i generali che si fregiarono nelle battaglie con cimiteri di croci sul petto? Dove i figli della guerra partiti per un ideale per una truffa, per un amore finito male? Hanno rimandato a casa le loro spoglie nelle barriere legate strette perché sembrassero intere. - Fabrizio De Andrè
Ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso. - Fabrizio De Andrè