Le frasi più belle di GIACOMO LEOPARDI

Che fai tu, luna, in ciel? Dimmi, che fai, silenziosa luna? - GIACOMO LEOPARDI
Ma non è cosa in terra che ti somigli; e s’anco pari alcuna ti fosse al volto, agli atti, alla favella, sarìa, così conforme, assai men bella. - GIACOMO LEOPARDI
Niuna cosa nella società è giudicata, né infatti riesce più vergognosa del vergognarsi. - GIACOMO LEOPARDI
Chi più si ama meno può amare. - GIACOMO LEOPARDI
Chi sa ridere è padrone del mondo. - GIACOMO LEOPARDI
E quando miro in cielo arder le stelle, dico fra me pensando: a che tante facelle? Che fa l’aria infinita, e quel profondo infinito seren? Che vuol dir questa solitudine immensa? Ed io che sono? - GIACOMO LEOPARDI
Chi non ha uno scopo non prova quasi mai diletto in nessuna operazione. - GIACOMO LEOPARDI
Un buon libro è un compagno che ci fa passare dei momenti felici. - GIACOMO LEOPARDI
Amaro e noia la vita, altro mai nulla; e fango è il mondo. - GIACOMO LEOPARDI
Il silenzio è il linguaggio di tutte le forti passioni, dell'amore (anche nei momenti dolci) dell'ira, della meraviglia, del timore. - GIACOMO LEOPARDI
Niuna cosa nella società è giudicata, né infatti riesce più vergognosa del vergognarsi. - GIACOMO LEOPARDI
O natura, o natura perché non rendi poi quel che prometti allor? Perché di tanto inganni i figli tuoi? - GIACOMO LEOPARDI
Le persone non sono ridicole se non quando non vogliono parere o essere ciò che non sono. - GIACOMO LEOPARDI
Nessun maggior segno d’essere poco filosofo e poco savio, che volere savia e filosofica tutta la vita. - GIACOMO LEOPARDI
Quando miro in ciel arder le stelle; dico fra me pensando: a che tante facelle? ... ed io che sono? - GIACOMO LEOPARDI
Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo. - GIACOMO LEOPARDI
Si conosce l'oro nel fuoco e gli amici nelle avversità - GIACOMO LEOPARDI
La stima è come un fiore, che pestato una volta gravemente o appassito, mai più non ritorna. - GIACOMO LEOPARDI
Chiedete al rospo che cosa sia la bellezza e vi risponderà che è la femmina del rospo. - GIACOMO LEOPARDI
Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. - GIACOMO LEOPARDI