Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse.

Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux
Vincent era steso sul letto con un proiettile in corpo, sofferente, implorando che qualcuno lo aiutasse. - Adeline Ravoux

Altre frasi di Adeline Ravoux

Mi chiedevo quando dormisse. Dipingeva tutto il giorno, scriveva delle lunghe lettere e leggeva sempre quei grandi tomi. - Adeline Ravoux
Chiamammo il dottor Gachet. Non disse neanche una parola a Vincent, si guardarono e basta, come due lupi affamati. - Adeline Ravoux